Scheda Riassuntiva

Nome: Ara Ararauna (Ara ararauna)

Lunghezza media: 86-89 cm

Peso: 1040-1286 g

Quanto vive: in media 50 anni, ma può raggiungere i 70 anni.

Origini: foreste tropicali e boschi di palme del Sud America.

Rumorosità: può essere molto rumoroso se non ben addestrato.

Carattere: molto intelligente, vivace, giocoso e affettuoso. Si adatta molto bene ai vari ambienti.  Grande masticatore.

Abilità:  discreto parlatore e altamente ricettivo all’addestramento.

Bisogno di attenzioni: è necessario dedicargli una buona quantità di tempo per via della loro natura sociale, possedere una Ara Ararauna significa diventare parte del loro stormo. Prima di acquistarne una bisogna anche tenere in considerazione le spese che ne deriveranno: veterinario, mangimi di qualità, giocattoli e una grande gabbia o voliera.

Cosa mangia: semi di girasole, noci, arachidi, noci pecan, noci del Brasile, pinoli, pannocchie, banane, arance, fette di pane integrale, cubetti di formaggio e pellet per ara.




Aspetto e Caratteristiche Fisiche

Con il suo stupendo corpo blu e petto giallo-limone scuro, l’Ara Ararauna (Ara ararauna) è un uccello esotico difficile da non notare. Questo pappagallo ha una striscia verde appena sopra il becco nero e il volto parzialmente nudo che si arrossisce quando è eccitato. Le zampe sono grigio scuro o nere e ha una “barba”di piume nere appena sotto il becco.

Il Blu e oro Ara è un ara full size e può pesare più di un chilo. La lunghezza media è di 86-89 cm e l’apertura alare di 106-113 cm.

Carattere e Comportamento

L’Ara Ararauna ha un carattere vivace e ama giocare, arrampicarsi e interagire con oggetti e persone; crea un forte legame con i suoi compagni umani, è molto affettuosa e necessita di attenzioni regolari. Quando è stato fatto socializzare adeguatamente, questo uccello si diverte a partecipare ad ogni sorte di attività all’aperto o pubblica assieme ai suoi proprietari.

Questi grandi pappagalli hanno bisogno almeno di un paio di ore al giorno fuori dalla gabbia per essere felici. Esistono guinzagli e seggiolini da auto per uccelli che permettono di portare con sé il proprio pappagallo ovunque si vada, esso si adatterà perfettamente.

In qualunque ambiente si trovi, l’Ara Ararauna riesce ad adattarsi facilmente: anche se circondata da molte persone, le accetterà di buon grado.

Nel caso però si presentassero comportamenti non voluti, consigliamo la lettura delle nostre linee guida per correggere i cattivi comportamenti dei pappagalli e per trattare con un pappagallo aggressivo.

Qualità e Abilità

L’Ara Ararauna è uno studente desideroso di imparare, le si possono insegnare una grande varietà di giochetti e compiti da eseguire, inoltre tra i pappagalli della specie ara è uno dei migliori pappagalli parlanti. Può imparare circa 15-20 parole o espressioni. Come tutti quelli della sua specie però, possiede un richiamo piuttosto forte e a volte può essere molto rumorosa.

Come per tutti i pappagalli, l’addomesticamento e l’addestramento richiedono fiducia e pazienza. L’Ara Ararauna è molto intelligente, molto abile nell’imparare esercizi e giochetti e veloce nell’apprendimento.

Questa ara si adatta rapidamente: una volta che si abitua a un nuovo ambiente e alla persona che si occupa di lei, è già pronta per iniziare l’addestramento. In generale però, si dovrebbe dare al nuovo arrivato un paio di giorni per abituarsi a voi, alla vostra voce e alla sua gabbia, prima di provare a interagire fisicamente.

Un pullo alimentato mano non avrà bisogno di molto addomesticamento e spesso vi si potrà interagire subito, poiché sarà già abituato all’attenzione umana.

Cura e Alimentazione

I proprietari di uno di questi pappagalli devono permettergli di passare almeno un paio di ore al giorno fuori dalla gabbia. Dal momento che gli uccelli possono danneggiare se stessi o dei beni personali, il proprietario deve fornire un controllo costante mentre gli animali sono liberi dalle loro gabbie. Questo significa mantenere tutti i cavi elettrici, gioielli, oggetti brillanti, prodotti chimici tossici, prodotti alimentari nocivi e piccoli oggetti, fuori dalla portata della curiosa ara.

Questi pappagalli richiedono una gabbia piuttosto grande e durevole, che possa dare loro l’opportunità di arrampicarsi, stare su un trespolo, giocare e interagire con gli umani. Inoltre la gabbia deve essere abbastanza spaziosa perché l’uccello possa distendere le ali. Le sbarre non dovrebbero essere più distanti l’una dall’altra di 2,5 cm, inoltre è opportuno sostituire le chiusure della gabbia con serrature e chiavistelli, dato che l’Ara Ararauna è molto abile nell’aprire i semplici fermi.

La cura base della gabbia comprende la pulizia giornaliera dell’acqua e dei recipienti del cibo, mentre settimanalmente bisogna lavare i giochi sporchi. Il fondo va lavato a settimane alternate.

Se non sei sicuro di quale gabbia comprare, dai un’occhiata alla guida generica sulle dimensioni delle gabbie per pappagalli che Animali Volanti ha preparato per te!

Cosa mangia l’Ara Ararauna? Molti esemplari giovani richiedono una dieta ricca di grassi con proteine aggiuntive, sarà quindi necessario l’acquisto di formule specializzate per i pulcini di ara. Gli esemplari adulti richiedono una dieta varia, hanno bisogno di frutta fresca e verdura, così come di alcuni acidi grassi, noci, cereali integrali e proteine. Infine devono essere rifornite regolarmente di acqua fresca, poiché ne bevono grandi quantità.

Cibo da evitare: i pappagalli della specie ara devono evitare certi cibi e bevande, quali avocado, cipolle, fagioli crudi, foglie di rabarbaro, melanzane, patate e la noce moscata. Le ara devono inoltre evitare qualsiasi prodotto con lattosio, in quanto non possono digerirli. Infine non devono essere fornite loro bevande alcoliche, prodotti con tabacco, prodotti salati o contenenti caffeina.

Gabbie per Ara Ararauna

Comprare un’Ara Ararauna

Se un’Ara Ararauna è curata adeguatamente e tenuta in salute può vivere fino a 70 anni. Questo pappagallo esotico probabilmente rimarrà con voi per tutta la vita, quindi se si decide di acquistarne uno, è bene tenerne conto. Facile da reperire.

Se avete intenzione di adottarne una da un’organizzazione per il soccorso degli uccelli o da un privato, è importante informarsi sulla storia completa del pappagallo, tra cui il motivo per cui viene dato in adozione, così come le sue stranezze comportamentali.

Se vuoi comprare un pappagallo ma non sei sicuro su quale scegliere, prova il nostro quiz, ti aiuterà a capire qual è il pappagallo più adatto a te!

Stato Selvatico

Habitat

L’Ara Ararauna si trova ovunque nelle foreste, boschi e savane subtropicali e tropicali in Sud America, dal Venezuela al Brasile, Bolivia, Colombia e Paraguay, si trovano anche in Messico e in numero limitato a Panama in America Centrale.

Gli habitat principali di questi pappagalli sono rappresentati dalle foreste pluviali in zone paludose e ripariali. Nidificano in alto negli alberi per evitare la predazione.

Comportamento

Queste are vivono principalmente in coppie, ma possono riunirsi in gruppi per formare degli stormi.

Quando sono in coppia, volano vicini l’un l’altra facendo quasi toccare le ali. Quando stanno foraggiando, durante la prima mattina si possono formare piccoli stormi rumorosi, a mezzogiorno cominciano a cercare posti ombreggiati.

L’Ara Ararauna è un uccello estremamente cauto, a qualsiasi segno di pericolo volano via strillando ad alta voce.

Comunica con vocalizzazioni forti o con richiami di gruppo; esse hanno anche sviluppato una vista molto acuta. Come tutti i pappagalli della specie ara, possiedono vocalizzazioni e un comportamento sociale molto complessi.

Riproduzione

L’Ara Ararauna forma coppie monogame per la vita. La stagione riproduttiva avviene durante la prima metà dell’anno e si accoppiano circa ogni 1 o 2 anni.

I nidi si trovano in alto in alberi ad alto fusto, soprattutto nelle cavità già create da altri animali.

Le femmine depongono da 2 a 3 uova e le covano per 24-28 giorni, dopo i quali le uova si schiudono dando alla luce pulli senza piume che non sono ancora in grado di vedere. Dopo 10 giorni i giovani cominciano a sviluppare il piumaggio. Entro 3 mesi i pappagallini diventano indipendenti.

Le are ararauna raggiungono la maturità sessuale a 3 a 4 anni di età.

Sia i maschi che le femmine si prendono cura dei loro piccoli, fornendogli il cibo e proteggendoli. Durante la prima settimana dopo la schiusa, sarà solo la femmina,  attraverso il rigurgito, a nutrirli; passato questo periodo anche il maschio provvederà al nutrimento. Entrambi i genitori mostrano estrema aggressività verso gli intrusi, al fine di proteggere i loro piccoli.

Conservazione

La popolazione globale di Ara Ararauna è stimata attorno ai 10 000 esemplari, il trend è in calo ma non tanto da raggiungere lo status di “Vulnerabile”.

L’Ara Ararauna si è estinta a Trinidad e Tobago, ma gli sforzi di conservazione hanno reintrodotto questi pappagalli a Trinidad. Tra il 1999 e il 2004, gli esemplari selvatici catturati a Guiana sono stati portati a Trinidad e collocati in gabbie appositamente studiate per la fase che precede il rilascio. Sono stati liberati 14 pappagalli, 9 di essi sono sopravvissuti e hanno prodotto 12 pulcini entro tre stagioni di accoppiamento. Dopo un secondo rilascio, 12 are si sono acclimatate nei gruppi preesistenti e hanno dato vita a 14 pulcini entro tre stagioni di accoppiamento.

Le popolazioni di Ara Ararauna sono tutt’ora affette dal degrado degli habitat in Sud America dovuto all’inquinamento, allo sviluppo e al disboscamento.

Tra i predatori naturali di questa specie troviamo l’Aquila Arpia (Harpia harpyja), l’Aquila Crestata (Nisaetus cirrhatus) e il Falco Pettoarancio (Falco Deiroleucus), che attaccano mentre i pappagalli sono in volo. Anche gli esseri umani sono loro predatori, in quanto cacciano queste are per il commercio di animali domestici, per le piume e anche come cibo.

Nella Lista Rossa della IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) l’Ara Ararauna è classificata come LC (Minor Preoccupazione).

Foto

Se vuoi approfondire la tua conoscenza dei pappagalli della specie ara, troverai sicuramente interessante la lettura del libro Le ara di Gianni Ravazzi.

Newsletter