Descrizione generale

L’Airone Cenerino (Ardea cinerea) è paragonabile in dimensioni al grande Airone Azzurro Maggiore (Ardea herodias) dell’America del Nord: la lunghezza del corpo di questo uccello acquatico varia in genere da 84 a 102 cm; come tutti gli aironi del genere Ardea infatti, gli aironi cenerini sono uccelli abbastanza grandi. Al contrario, altri generi di aironi come le ardeole, raramente superano lunghezze medie di 49 cm. Il peso corporeo dell’Airone Cenerino varia in genere da 0,226 a 1,36 kg, mentre l’apertura alare misura da 155 a 175 cm.




Come suggerisce il loro nome comune, gli aironi cenerini hanno un piumaggio prevalentemente grigio che copre le ali, il dorso e la maggior parte del collo; la sottospecie Ardea cinerea monicae si distingue per il piumaggio più chiaro e la cresta più corta. In tutti gli adulti di Airone Cenerino la testa è bianca con lunghe piume nere che si estendono dagli occhi verso l’inizio del collo, formando una grande cresta vistosa. Gli esemplari giovani mantengono una corona di scure piume grige durante loro primo inverno, dopo di che iniziano a sviluppare la fronte bianca e la cresta nera distintiva tipica degli adulti.

L’Airone Cenerino presenta un becco giallo per la maggior parte dell’anno, ma esso acquista una tinta arancione durante la stagione riproduttiva. Come anche gli altri aironi (famiglia Ardeidae), gli aironi cenerini volano con la testa tirata indietro verso il corpo mantenendo le zampe distese dietro di loro. Questo posizionamento del corpo durante il volo distingue gli aironi dalle gru (famiglia Gruidae), che volano con il collo disteso.

Habitat

Gli aironi cenerini popolano un ampio territorio geografico, si possono trovare in tutta l’Eurasia, compresa l’Italia, e l’Africa. Gli aironi cenerini sono stati visti anche in aree dell’America settentrionale, della Groenlandia e dell’Australia, aree tipicamente considerate al di fuori del loro habitat naturale.

Questa specie è considerata solo parzialmente migratoria, di conseguenza il loro numero non diminuisce significativamente durante le stagioni invernali o di allevamento; tuttavia un numero considerevole di individui può migrare a grandi distanze per raggiungere nuovi territori di riproduzione. Per esempio, gli aironi cenerini europei sono stati avvistati in alcune aree dell’Europa meridionale.

Sono riconosciute quattro sottospecie di Airone Cenerino e ciascuna popola aree geografiche relativamente distinte: l’Ardea cinerea cinerea si trova in Europa, Africa e Asia occidentale, l’Ardea cinerea firasa in Madagascar. l’Ardea cinerea jouyi in Asia orientale e l’Ardea cinerea monicae sulle isole vicino a Banc d’Arguin, in Mauritania. L’Ardea cinerea monicae è invece considerata da alcuni come una specie distinta.

Gli aironi cenerini sono molto resistenti e generalmente si adattano bene a nuovi ambienti, tuttavia, per potersi stabilire, le popolazioni di questi uccelli richiedono almeno quattro mesi di clima caldo all’anno. Questi periodi più caldi sono necessari per la deposizione delle uova e le prime fasi di sviluppo dei pulcini.

Gli aironi cenerini richiedono anche la presenza di corpi d’acqua poco profondi, che vengono utilizzati come siti primari per il foraggiamento. Questi corpi d’acqua possono comprendere acque salate o insenature salmastre e estuari, fiumi d’acqua dolce, ruscelli, laghi o paludi, e persino acquacoltura utilizzate nell’allevamento di pesci.

I requisiti per appollaiarsi variano a seconda della regione geografica, tuttavia molti individui scelgono di appollaiarsi su rami vicino o sulle cime degli alberi più alti. Se non vi sono alberi disponibili, gli aironi cenerini possono appollaiarsi in cespugli fitti o nel sottobosco.

Comportamento

Gli aironi cenerini mostrano comportamenti diversi man mano che maturano. Quando nascono i primi comportamenti dipendono dalla disponibilità delle risorse; per esempio, quando il cibo è scarso, possono verificarsi episodi di uccisioni tra fratelli. In questi casi, i nidiacei mostrano aggressività l’uno verso l’altro e, a volte, la prole più piccola o più debole prole viene uccisa.

Dopo il primo anno, gli aironi cenerini immaturi (individui che hanno meno di due anni) possono fare la loro comparsa nei siti di riproduzione. Qui spesso vengono attirati verso i nidi che mostrano maggior attività (ad esempio allevamento o nutrimento dei pulcini e/o la costruzione del nido stesso). Gli adulti in genere rispondono con un comportamento aggressivo verso gli uccelli giovani, facendoli fuggire. Questi comportamenti aggressivi comportano guardare direttamente verso l’intruso, eseguendo un movimento con la testa che ricorda il gesto di pugnalare e sollevando la loro cresta. Si ritiene che questo comportamento aggressivo sia associato alla difesa delle uova e del nido, dato che i giovani diventano molto territoriali quando si nutrono.

L’Airone Cenerino, come molte altre specie di uccelli, mostra l’aggressività attraverso l’uso del collo: quando una minaccia o una presenza fastidiosa si avvicina, gli aironi cenerini eseguono un movimento con la testa come se stessero pugnalando qualcuno e sollevano la loro cresta. Anche se gli aironi cenerini sono stati individuati in gruppi interspecifici, inclusi i gabbiani (famiglia Laridae), in genere mantengono una certa distanza da individui di altre specie.

Anche se l’Airone Cenerino è generalmente un uccello solitario, durante la stagione riproduttiva si riunisce con altri esemplari per migliorare le sue possibilità di trovare un compagno; gli studi effettuati su questi uccelli trampolieri suggeriscono però che il radunarsi in gruppi per l’accoppiamento non riduce i rischi di predazione e non aiuta nella localizzazione di aree in cui foraggiare.

I rituali di corteggiamento dei maschi iniziano con richiami continui per attirare le femmine; una volta che le femmine si trovano nelle vicinanze, i maschi spiegano le ali e puntano i loro becchi verso l’alto. Ciò differisce dalla posizione con il becco che punta verso il basso fattura in discesa e dai movimenti di polmoni utilizzati per minacciare i maschi intrusi. Successivamente i maschi e le femmine si toccano i becchi a vicenda molte volte e si puliscono e sistemano le piume l’un l’altro prima di accoppiarsi.

Una volta che le uova si schiudono, entrambi i genitori sono responsabili dell’alimentazione e della cura dei pulcini. Quando termina la stagione di allevamento e i pulcini sono in grado di volare, gli aironi cenerini si disperdono, tipicamente verso sud-ovest. A seconda della regione, alcuni individui possono rimanere nell’area di allevamento.

I comportamenti sono influenzati anche dal tempo atmosferico e dall’ora del giorno: per esempio quando è più freddo, aumenta la durata del sonno e quando c’è vento gli aironi cenerini si riposano più di quanto non dormano. Durante la giornata questi uccelli si posano per la maggior parte a terra, tuttavia verso il crepuscolo iniziano a ripararsi tra gli alberi. Questo comportamento non è limitato alla stagione riproduttiva, ma si verifica tutto l’anno. Si ritiene che gli aironi cenerini si rifugino tra gli alberi per evitare i predatori, dal momento che la loro visione è ostacolata dalla mancanza di luce.

Le tattiche per la caccia tipicamente consistono nell’aspettare la preda finché non si trova nel raggio di attacco. I confronti tra diversi ambienti (per esempio laghi e paludi) hanno mostrato scarse variazioni nei comportamenti di caccia o di foraggiamento, ad eccezione delle frequenze di attacco e della quantità di cibo assunto (gli studi sugli acquitrini hanno riportato tassi di attacco più alti per la cattura ma un’assunzione più bassa di cibo). Anche lo stato della marea influenza i comportamenti di foraggiamento: quando le maree sono particolarmente alte (40 o pù cm), gli aironi cenerini cercano nuove aree per procacciare il cibo.

Poiché non sono uccelli sociali, non hanno molta necessità di altri comportamenti atti alla comunicazione, tranne durante la stagione riproduttiva; durante questo periodo infatti, l’Airone Cenerino usa diversi richiami per mettersi in mostra e attirare le femmine. Esso, come gli altri aironi, produce un grido duro e successivamente spiega le ali e punta il becco verso l’alto per dare inizio alla pratica di lisciare le piume.

Come la maggior parte degli uccelli, gli aironi cenerini percepiscono l’ambiente circostante attraverso stimoli uditivi, visivi, tattili e chimici.

Alimentazione

L’Airone Cenerino si nutre di una vasta gamma di prede, ma è principalmente un uccello piscivoro. Oltre ai pesci la sua dieta è costituita da insetti, crostacei, rane e piccoli mammiferi; a volte ingerisce anche piccoli uccellini. Studi hanno documentato aironi cenerini catturare e nutrirsi di Dryomnas cuvieri aldabranus, la più grande specie di uccelli che gli aironi grigi possono cacciare; anche se non è chiaro quanto spesso gli aironi cenerini siano in grado di nutrirsi di questi uccelli, sono state osservate lesioni dopo i tentativi di alimentazione.

Per individuare il cibo, gli aironi cenerini guadano l’acqua poco profonda o si spostano sulla terreno; si ritiene che abbiano maggiore successo nel catturare le prede alla luce della luna. Di solito questi aironi rimangono immobili su una zampa sola nell’acqua più profonda e aspettano, a volte per lunghi periodi di tempo, che potenziali prede nuotino vicino a loro; essi catturano le prede con il loro becco e generalmente le inghiottono intere, deglutendo rapidamente.

Riproduzione

All’inizio della stagione di allevamento, i maschi di Airone Cenerino selezionano i siti di nidificazione; dopo averne scelto uno adatto effettuano dei bassi richiami stridenti per attirare potenziali compagne. A patto che non ci siano più femmine che si avvicinano a un singolo maschio, le femmine scelgono un compagno avvicinandosi al suo sito di nidificazione. Come per gli aironi azzurri maggiori, entrambi i sessi devono approvare prima si formare la coppia e dare via all’accoppiamento.

I maschi disinteressati spesso inseguono le femmine fino a fuori dal loro sito di nidificazione per dimostrare la loro mancanza di interesse. Una volta che un maschio attira una femmina al suo sito, ha luogo una serie di comportamenti per il corteggiamento che comprendono lo stiramento e l’archeggio del collo, e spingendolo in avanti rapidamente. Queste dimostrazioni, insieme allo sbattere del becco, costituiscono la maggior parte del rituale di corteggiamento eseguita dai maschi per impressionare le femmine. Se la femmina rimane sul luogo, la coppia si impegna in comportamenti reciproci di cura che prendono il nome di mutual allopreening. A questo punto il maschio e la femmina hanno formato una coppia monogama che rimarrà insieme durante tutta la stagione riproduttiva.

La stagione riproduttiva dell’Airone Cenerino comincia già a inizio febbraio e continua fino a maggio o all’inizio di giugno. All’inizio della stagione di accoppiamento, ogni maschio seleziona un luogo in cui costruire il nido, di solito situato nei rami degli alberi alti; nidi sono stati avvistati anche nel sottobosco fitto e, talvolta, su terreni scoperti.

Il nido di Airone Cenerino è costruito da quasi tutti i materiali che il maschio riesce a raccogliere, e per la maggior parte includono bastoni ed erbe. Una volta finito, il nido verrà utilizzato ripetutamente stagione dopo stagione, costruendo quello nuovo sopra il vecchio. I nidi più grandi e più sviluppati sono quelli più ambiti e reclamati rapidamente, di solito dai maschi più anziani; questi vengono sorvegliati ferocemente finché non si è formata la coppia e non è avvenuta la copulazione.

Gli aironi cenerini in genere depongono e crescono una sola covata durante la stagione riproduttiva. Tuttavia, se la prima viene persa, non è raro che questi uccelli diano vita a una covata sostitutiva. Due covate dalla stessa coppia sono considerate un evento molto raro, ma sono stati registrati avvenimenti di questo tipo.

Tipicamente le femmine depongono da due a cinque uova di colore blu-verde chiaro durante un periodo di due o più giorni. Il numero di uova deposte dipende dall’area in cui l’airone vive e da quanto sono favorevoli i fattori ambientali; sono state osservate delle covate composte sia da un singolo uovo che da fino a 10 uova.

Le uova in genere richiedono 25-26 giorni per essere covate e schiudersi. Durante le prime fasi di sviluppo, i pulcini competono tra loro per il cibo e le cure dei genitori e si spingono a vicenda; è stato anche riportato che i pulcini cannibalizzano i fratelli deceduti. Essi involano dopo circa 50 giorni, tuttavia, nonostante abbandonando il nido, non diventano completamente indipendenti fino a 9-10 settimane di età. Raggiungeranno la maturità sessuale nella stagione riproduttiva seguente. Sia gli aironi maschi che femmine contribuiscono a prendersi cura e a proteggere la loro prole.

Durante la costruzione del nido, la maggior parte dei materiali viene raccolta dai maschi, mentre la costruzione del nido è coordinata dalle femmine. I maschi difendono aggressivamente le femmine e le uova che devono ancora schiudersi; una volta schiuse, entrambi i genitori forniscono cibo ai pulcini. Inizialmente i giovani vengono alimentati direttamente, successivamente invece i genitori rigurgitano il cibo sul nido e i pulcini devono competere per guadagnarselo. I piccoli aironi restano con i loro genitori per un lungo periodo di tempo anche dopo l’involo e aver acquisito la capacità di lasciare il nido.

Conservazione

L’aspettativa di vita media per l’Airone Cenerino è di 5 anni e il tasso di mortalità raggiunge il picco durante il primo anno, con un tasso del 67%. La mortalità diminuisce di quasi il 30% nel secondo anno di vita e continua a scendere man mano che gli aironi crescono. L’Airone Cenerino selvatico più vecchio mai registrato aveva 23 anni, 9 mesi e 2 giorni (più di quattro volte l’età prevista).

Le volpi sono i predatori primari degli aironi cenerini. e o corvi possono nutrirsi delle loro uova, ma di solito quelle che sono state già abbandonate. Le attività umane, in particolare la caccia, la cattura e l’inquinamento, sono spesso responsabili della mortalità dell’Airone Cenerino.

Lo stato di conservazione degli aironi cenerini è classificato come LC (Minor Preoccupazione) nella Lista Rossa 2016 della IUCN (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura). Gli aironi cenerini sono ampiamente distribuiti e relativamente abbondanti, con una popolazione stabile stimata in tutto il mondo tra 790 000 e 3 700 000 uccelli adulti.

Le minacce più grandi per gli aironi cenerini nel futuro sono le uccisioni da arma da fuoco e l’avvelenamento da parte degli allevatori di pesci. Potenziali conseguenze dell’inquinamento includono problemi di calcio, assottigliamento dei gusci d’uovo, problemi riproduttivi e sistemi immunitari soppressi.

Gli aironi cenerini sono importanti per limitare le popolazioni di pesci negli estuari, fiumi e altri corpi d’acqua, inoltre i loro nidi forniscono riparo per roditori e insetti.

Foto

Newsletter