Descrizione generale

Il Merlo Dalle Ali Rosse (Agelaius phoeniceus) è uno degli uccelli canori più diffusi in tutto il Nord America e anche uno dei più arditamente di colorati. Si vede spesso in cima alle piante di tifa (Typha latifolia), ai bordi bagnati delle strade e sui cavi telefonici. Nel Nord il loro arrivo anticipato e il loro cantare allegro sono felici indicazioni del ritorno della primavera.

Gli esemplari maschi sono difficili da non riconoscere: il loro piumaggio è nero lucido con segni distintivi rossi e gialli sulle spalle, che possono gonfiare o nascondere a seconda di quanto si sentono fiduciosi. Le femmine sono generalmente marrone scuro con striature increspate, più chiara sul petto e spesso mostra delle sopracciglia biancastre.




La lunghezza del Merlo Dalle Ali Rosse varia da 17 a 23 cm, hanno un’apertura alare di 31-40 cm e possono pesare dai 32 ai 77 grammi.

Habitat

Il Merlo Dalle Ali Rosse trascorre la stagione riproduttiva in ambienti umidi, come paludi di acqua dolce o salata e risaie. È inoltre possibile trovarlo mentre alleva i pulcini in luoghi asciutti come prati di carici, campi di erba medica e campi incolti. Di tanto in tanto questi merli nidificano in zone boschive lungo i corsi d’acqua. In autunno e in inverno si riuniscono nei campi agricoli, allevamenti, pascoli e prati.

Canto e suoni

Il canto del Merlo dalle Ali Rosse maschio è un classico suono delle zone umide in tutto il continente americano. Il primo secondo del canto è costituito da una brusca nota, che si trasforma poi in un trillo musicale. I maschi spesso cantano da una posizione alta mentre si sporgono in avanti, piegano le ali verso il basso, espandono le penne della coda e mettono in mostra le vivaci penne colorate sulle spalle. Il canto delle femmine invece è molto diverso ed è una risposta al canto del maschio: si tratta di una serie di tre o cinque brevi note di tipo check o chit.

Il richiamo tipico di un Merlo Dalle Ali Rosse è  un check profondo e facile da riconoscere. Maschi e femmine emettono questi richiami durante tutto l’anno, in volo o mentre si nutrono, quando si confrontano con i rivali o quando lanciano un allarme. Questi uccelli possono anche emettere una chiamata di allarme più intensa, un veloce brontolio chak chak chak.

Comportamento

Il Merlo Dalle Ali Rosse è tra gli uccelli meglio studiati, soprattutto per quanto riguarda il comportamento. Essi formano stormi al di fuori della stagione di accoppiamento e nidificano vicini l’un l’altro. Anche se si possono radunare strettamente in piccole aree, durante la stagione riproduttiva questi sono uccelli molto territoriali. I maschi spesso si appoggiano in alto sulle piante di tifa, scrutando il loro territorio e volano aggressivamente contro gli intrusi, mostrando con spavalderia le loro piume rosse.

Foraggiano a terra, ma anche in arbusti e alberi.

In autunno e in inverno si raggruppano in stormi con altri uccelli, quali merli, molotri e storni, nutrendosi su un terreno aperto e appollaiandosi in stormi di migliaia di uccelli.

Il Merlo Dalle Ali Rosse è un volatile forte e agile.

Alimentazione

Il Merlo Dalle Ali Rosse si nutre soprattutto di insetti durante l’Estate, mentre in Inverno di sementi, tra cui mais e grano. A volte si nutre sondando alla base di piante acquatiche con il suo becco sottile, spostandole con la forza per far entrare gli insetti nascosti tra di esse. In Autunno e in Inverno si nutrono di semi di erbacce come ambrosia e xanthium, così come di girasoli nativi e cereali.




Riproduzione

I maschi di Merlo Dalle Ali Rosse trascorrono gran parte della stagione riproduttiva seduti su un alto posatoio nei loro territori, cantando a squarciagola. Le femmine tendono a sgattaiolare attraverso canne ed erbe varie, raccogliendo cibo o materiali per il nido. Sia i maschi che le femmine difendono i nidi da intrusi e predatori.

I merli dalle ali rosse nidificano in larghi gruppi, in parte a causa del fatto che gli habitat palustri sono scarsi. In genere cinque o più (fino a 15) femmine costruiscono loro nidi piuttosto vicini, nel territorio di un maschio qualsiasi. Di norma, si accoppiano con il proprietario del territorio, ma molte si accoppiano anche con altri maschi nelle vicinanze.

Le femmine costruiscono i nidi avvolgendo materiale vegetale fibroso intorno ad alcuni steli vicini e in posizione verticale, e tessendo in una piattaforma di grezza vegetazione bagnata. Intorno e sopra questa costruzione, vengono aggiunte foglie più bagnate e legno marcio, per poi intonacare l’interno con del fango, dando al tutto la forma di una tazza. Infine la femmina rifinisce  la coppa con erba secca.

Nel 1930, un naturalista scelse un nido e ne osservò la costruzione, venne creato intrecciando insieme 34 strisce di corteccia di salice e 142 foglie di tifa, alcune lunghe 60 centimetri. Una volta terminato, il nido misurava 10-18 centimetri di diametro ed era profondo fino a 18 centimetri.

Il Merlo Dalle Ali Rosse costruisce il suo nido basso, tra i germogli verticali di vegetazione palustre, arbusti o alberi. Le femmine scelgono il territorio di nidificazione con alcuni suggerimenti da parte del maschio. In genere il nido viene posizionato vicino al suolo (o a una superficie d’acqua nelle paludi), nelle zone umide sono favorite le fitte vegetazioni erbose come i campi di tifa, giunco, carice e Phragmites. Nelle regioni montagnose invece tra i favoriti troviamo il solidago, le more, i salici e le betulle. Sono costruiti anche presso piante di grano, orzo, erba medica e riso.

Conservazione

Anche se si tratta di uno degli uccelli nativi più abbondanti del continente americano, secondo il North American Breeding Bird Survey la popolazione di Merlo Dalle Ali Rosse dal 1966 è diminuita di oltre il 30% nella maggior parte dei loro habitat. Partners in Flight stima una popolazione nidificante globale di 130 milioni, calata da 190 milioni nel 1974. L’80% della popolazione passa parte dell’anno negli Stati Uniti, il 14% in Canada, e il 16% in Messico.

L’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) ha classificato il Merlo Dalle Ali Rosse come LC (Minor Preoccupazione) nella Lista Rossa 2016.

Foto


Newsletter