I biologi dell’Università di Groningen hanno scoperto che il cambiamento climatico ha un effetto sui normali scontri tra le cinciallegre (Parus major) e le balie nere (Ficedula hypoleuca) durante la stagione riproduttiva. Lo studio è apparso il 10 gennaio su Current Biology.

Mentre controllava le casette nido usate nei suoi studi sul campo, il biologo Jelmer Samplonius ha trovato regolarmente un segnale dell’aggressività delle cinciallegre durante la stagione riproduttiva: una balia nera morta in una casetta nido occupata da una cinciallegra. “Quando una balia nera entra in un nido con una cinciallegra all’interno, non ha alcuna possibilità”, spiega Samplonius. “La cinciallegra è più pesante, poiché le balie nere sono fatte per una lunga migrazione dall’Europa all’Africa occidentale e ritorno. Inoltre, le cinciallegre hanno artigli molto forti.” In questo caso, le balie nere morte hanno di solito ferite mortali alla testa. “E sembra che le cinciallegre poi mangino il cervello.”

La competizione tra le specie

C’è sempre stata competizione tra le due specie per i siti di nidificazione. “Le balie nere cercano di rubare le strutture di nidificazione alle cinciallegre. Possono non essere all’altezza quando si combattono all’interno dei nidi, ma sono volatori più agili “, afferma Samplonius. Le balie nere volano intorno alle cinciallegre mentre costruiscono i loro nidi, allontanandole.

La domanda che Samplonius e il suo supervisore al dottorato Christiaan Both hanno affrontato nello studio di Current Biology, è se il cambiamento climatico abbia qualche effetto su questo comportamento. “Entrambe le specie hanno bisogno di sincronizzare per la nascita dei loro piccoli con un picco nella disponibilità di bruchi”, afferma Samplonius. Questo picco è legato allo spuntare delle prime foglie sugli alberi e temperature medie più alte significano che questo periodo si è spostato all’inizio dell’anno.

Balia nera uccisa da una cinciallegra nel nido
Balia nera uccisa da una cinciallegra nel nido

Effetti del cambiamento climatico e adattamenti

Le cinciallegre sono uccelli canori non migratori e rispondono alle temperature più alte deponendo le uova prima. “Le balie nere ora migrano in Europa prima, ma il loro adattamento non è buono come quello delle cinciallegre. Il loro arrivo anticipato non è legato alla temperatura effettiva nei loro territori di riproduzione.” Samplonius lo sa perché, per un periodo di 10 anni, lui e i suoi colleghi hanno registrato l’arrivo delle balie nere e l’inizio della deposizione delle uova di entrambe le specie in due parchi nazionali olandesi: Dwingelderveld e Drents-Friese Wold.

Gli inverni più miti sono il risultato del cambiamento climatico. “Questo aumenta la sopravvivenza delle cinciallegre, quindi il numero di uccelli nidificanti sarà più alto.” La presenza di più cinciallegre significa più competizione per le balie nere e più conflitti. Va notato, tuttavia, che il cambiamento climatico non è l’unico fattore che ha portato a questa situazione: anche gli anni in cui vi sono sono più “faggiole” alzano il tasso di sopravvivenza delle cinciallegre.

Una seconda ragione per l’aumento della competizione è che le cinciallegre e le balie nere si sono adattate al cambiamento climatico in modo diverso. I problemi maggiori si verificano nelle primavere più fredde, quando le cinciallegre iniziano a costruire i loro nidi relativamente tardi, ma le balie nere arrivano comunque presto. “In questa situazione, la sovrapposizione dei tempi di riproduzione è maggiore, così come il numero di conflitti.” Le cinciallegre hanno ucciso fino al 10% dei maschi di balia nera territoriali in sole due settimane di competizione e, poiché la mortalità per delle balie nere durante l’intero anno è di circa il 55%, quelle uccisioni rappresentano una cifra considerevole.

Impatto sulla popolazione

“È interessante notare che nel nostro studio non abbiamo riscontrato alcun effetto sulla popolazione complessiva di balie nere composta da circa 300 coppie riproduttive”, osserva Samplonius. “Abbiamo notato che i maschi uccisi erano di solito quelli che arrivati a fine stagione. Questi ultimi uccelli spesso non hanno trovato una femmina con cui riprodursi, ciò potrebbe quindi spiegare perché questo comportamento non ha alcun impatto sulla popolazione.”

Nel complesso, lo studio mostra che i cambiamenti climatici influenzano il comportamento di entrambe le specie di uccelli, nonché l’interazione tra di loro. Un gruppo guidato da Christiaan Both (Professore di ecologia presso l’Università di Groningen), continuerà a studiare le cinciallegre e le balie nere per scoprire se ci siano effetti a lungo termine di questo comportamento. Samplonius, nel frattempo, si è trasferito all’Università di Edimburgo, dove ora sta studiando le cinciarelle (Cyanistes caeruleus). “Mi trovo davanti e quesiti simili qui, lungo una traversata di 220 chilometri in Scozia. È davvero interessante assistere a tutti questi cambiamenti causati dai cambiamenti climatici”.